Da orto, da foraggio e da zucchero: le varietà di barbabietola

La barbabietola è una pianta conosciuta e diffusa in tutta Italia, di cui esistono diverse varietà differenziate anche nell’impiego cui sono destinate. Le barbabietole da foraggio sono impiegate nell’alimentazione del bestiame da allevamento mentre quelle da zucchero, con un’altissima componente di saccarosio, vengono utilizzate nell’industria saccarifera.
La varietà più diffusa è anche detta barbabietola rossa e si caratterizza per essere una pianta erbacea biennale, di cui possono essere consumate sia le foglie, cotte, sia le radici a forma di tubero dal colore rosso brillante.

Barbabietola Ortofrutta Trevi srl RomaBarbabietola da orto

La pianta di barbabietola ha bisogno di una concimazione moderata ed è adattabile a molti tipi di terreno che, tuttavia, sarà necessario mantenere sempre adeguatamente umido. Non richiede di essere piantata in pieno sole, accontentandosi anche della mezzombra.

Si tratta di un tubero che può essere seminato in primavera in pieno campo. Viene distribuito in file a 25 – 30 centimetri di distanza l’una dall’altra; i semi possono essere depositati a 10 centimetri di profondità, salvo poi diradare le piantine una volta cresciute.

Barbabietola Ortofrutta Trevi srl RomaTra una piantina e l’altra è bene sempre mantenere una distanza di almeno 15 centimetri in modo tale che le radici commestibili possano svilupparsi completamente. In caso di coltivazione con seme, esso va posto nel terreno ad una profondità di 2 o 3 centimetri.

Le barbabietole gradiscono particolarmente l’operazione di pacciamatura: può essere effettuata spargendo della paglia tutto intorno alla semina e mantenendo l’habitat umido; è richiesta irrigazione costante per evitare che la radice diventi troppo coriacea e risulti difficile da mangiare.

Barbabietola Ortofrutta Trevi srl RomaPossono essere consumate sia crude (magari grattugiata nelle insalate) che cotte. Il procedimento di cottura disattiva gli ossalati naturalmente presenti nella radice, ma riduce anche in parte le altre proprietà nutritive, come accade nei procedimenti di cottura della maggior parte degli ortaggi.

 

La raccolta delle barbabietole

Le barbabietole si raccolgono dopo circa due mesi dalla semina. La radice è sempre ben visibile ad occhio nudo, quindi è facile capire quando è il momento di coglierle; mancando un processo di maturazione, si può optare per le radici più giovani, particolarmente tenere e gradevoli da consumare anche crude.

Barbabietola Ortofrutta Trevi srl RomaSi consiglia di non far crescere troppo il tubero: al massimo 10 centimetri di diametro. Possono essere conservate in un luogo fresco ed ombroso, spesso in cantina. La conservazione in una cassetta, coperte di sabbia umida costituisce l’habitat ottimale per mantenerle fresche a lungo.

La barbabietola fa bene?

Possiamo considerarle un concentrato di sali minerali e vitamine. La barbabietola rossa si caratterizza per la presenza di tanti sali minerali e vitamine ed è composta principalmente da acqua. Ricca di magnesio, potassio (325 mg per 100 grammi) e di fosforo, che la rendono un alimento dalle particolari caratteristiche antiossidanti. La presenza dei flavonoidi serve a preservare l’organismo dall’azione dei radicali liberi.

Barbabietola Ortofrutta Trevi srl RomaEssendo ricca di Vitamina B, nella barbabietola si registra la presenza dell’importante acido folico (vitamina del gruppo B9) che è particolarmente utile alle mamme in gravidanza per incentivare lo sviluppo del feto e prevenirne difetti di sviluppo.

La ricchezza di sali minerali rende il succo e la radice della barbabietola particolarmente adatte ad essere consumate in caso di anemia; con le sue proprietà contrasta anche i disturbi cardiovascolari ed è un valido alleato contro il tumore al colon.

Barbabietola Ortofrutta Trevi srl RomaInfine, le vitamine presenti nella barbabietola rafforzano i capillari e contribuiscono ad un generale miglioramento della circolazione sanguigna. A 100 grammi di barbabietole corrispondono a 43 Kcalorie.

Nonostante la loro azione contrasti le malattie del fegato, la presenza di acido ossalico nelle barbabietole e nei suoi derivati è controindicata a chi soffre di calcoli renali. Essendo inoltre un alimento che contiene zuccheri (7 grammi ogni 100 grammi) è da consumare con attenzione nel caso di diabete.

Barbabietole in cucina

La barbabietola è un tubero molto dolce che si presta ad essere impiegato come ingrediente a crudo, magari nelle insalate, oppure cotto; se lo utilizzate previa cottura, il suo particolare colore tingerà ogni vostro piatto!

Barbabietola Ortofrutta Trevi srl Roma

Risotto alla barbabietola

  • Riso 320 g;
  • Barbabietole precotte 260 g;
  • Yogurt Greco 100 g.;
  • Brodo vegetale 1 litro;
  • Scalogno 1;
  • Vino bianco 30ml;
  • Timo 2 rametti;
  • Sale q.b.
  • Olio Extravergine di oliva 30 ml;

Per realizzare il risotto ci occorrerà del brodo vegetale, preparatene quindi circa 1 litro. Tagliate le barbabietole a fette poi unitele insieme ad un mestolo di brodo e frullatele con un mixer ad immersione. Tagliate a dadini lo scalogno poi, in un tegame versatelo insieme all’olio e lasciate rosolare per qualche minuto mescolando spesso.

Versate il riso e, dopo averlo fatto tostare per circa 3 minuti, sfumatelo con il vino bianco e dopo che questo sarà evaporato, aggiungete il brodo vegetale un mestolo alla volta, ogni volta che si asciugherà troppo. Trascorsi circa 10 minuti dalla cottura, versate metà della purea di barbabietola. Salate e proseguite la cottura per altri 5 minuti, aggiungendo sempre all’occorrenza il brodo, poi versate la restante purea e mescolate. Ultimate la cottura del risotto, ci vorranno altri 5 minuti circa; appena sarà pronto, spegnete il fuoco e mantecate con olio di oliva. Distribuite sui piatti la barbabietola restante, tagliata a cubetti , guarnite con yogurt greco e foglioline di timo fresco.

Pasta con Pesto alla barbabietola

Ecco le dosi per preparare questo primo piatto per 4 persone:
Barbabietola Ortofrutta Trevi srl Roma

  • Pasta 400 g;
  • Sale q.b.;
  • Basilico qualche foglia;
  • Panna fresca liquida 150 ml;
  • Pinoli 50 g;
  • Parmigiano reggiano 50 g; 
  • Olio di oliva 130 ml;
  • Limoni 1 il succo;
  • Basilico 6 foglie;
  • Timo 3 rametti tritato;
  • Barbabietole 400 g lessate.

Barbabietola Ortofrutta Trevi srl RomaPeliamo le barbabietole poi affettiamole con uno spessore di circa 2 cm; disponiamo le fette sopra una teglia da forno in modo che non si sovrappongono. Cospargiamo un filo di olio di oliva, sale e timo tritato; cuocete in forno preriscaldato a 200° per 35 minuti. A cottura ultimata, facciamo raffreddare la barbabietola poi aggiungiamo i pinoli, l’olio e frulliamo il tutto per pochi istanti. Uniamo parmigiano, basilico e mixiamo nuovamente fino ad ottenere un composto omogeneo. Incorporiamo panna liquida e nuovamente frullate; aggiungiamo anche il succo di un limone filtrato. Cuociamo la pasta (del taglio che preferite) in abbondante acqua salata; trasferite in una padella il pesto di barbabietola, poi, a cottura ultimata, versate anche la pasta al suo interno. Fatela saltare qualche secondo per amalgamare il tutto e cospargete una manciata di pinoli interi. Servitela ben calda!

Torta di barbabietola e cacao

Sì, avete letto bene: possiamo utilizzare la barbabietola anche come ingrediente per squisite torte! Il risultato sarà soffice e saporito. Ecco la ricetta:

  • Zucchero 190 g.;
  • Farina 00 260 g;
  • Barbabietole precotte 400 g.;
  • Cioccolato fondente 130 g.;
  • Olio di semi di mais 230 g.;
  • Lievito in polvere 16 g.;
  • Baccello di vaniglia 1.

Barbabietola Ortofrutta Trevi srl RomaRiduciamo a dadini le barbabietole già cotte; versiamole in un contenitore, aggiungiamo un filo di olio e frulliamo con un mixer. Otterremo una crema omogenea. Ora tritiamo il cioccolato in modo grossolano e facciamolo sciogliere a bagnomaria.

Mentre si raffredda pensiamo all’impasto: uniamo zucchero e uova, semi della bacca di vaniglia e aiutandoci con uno sbattitore elettrico creiamo un composto ben spumoso, occorreranno circa 1 minuti. Uniamo l’olio e continuiamo. Setacciamo la farina con il lievito e aggiungiamoli all’impasto un poco per volta.

Infine uniamo anche il cioccolato e amalgamiamo il tutto. A questo punto unite anche la crema di barbabietola, poi versate il composto in una tortiera precedentemente imburrata e foderata.

Barbabietola Ortofrutta Trevi srl Roma

Cuocete in forno statico preriscaldato a 170° per 65 minuti. Appena cotto (fate la prova dello stecchino!), sfornate il dolce e lasciatelo intiepidire. Cospargete di zucchero a velo in superficie, se di vostro gradimento.

Qui vi lasciamo il link in cui troverete la ricetta della zuppa Bortsch,  famosa zuppa a base di barbabietola originaria dei paesi dell’Est come Russia e Ucraina.

 

Vi piace il sapore della barbabietola? Come siete soliti consumarle? Grazie per aver letto questo post, lasciaci un commento qui sotto, è sempre ben accetto.

Vieni a trovarci, troverai oltre alle barbabietole, tantissimi prodotti, sempre freschi. Ci troviamo al centro di Roma, a poca distanza dalla splendida Fontana di Trevi. Se hai domande, contattaci pure, saremo lieti di risponderti.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *